Le progressioni secondarie nell'astrologia umanistica.

                    Articolo di Clara Tozzi
 
Ad un occhio ormai allenato a cogliere la dimensione temporale dei simboli il Tema Natale tende a rivelare molte cose degli aspetti evolutivi di una persona, ancor prima di guardare transiti, progressioni, rivoluzioni solari o altro: la Luna colora grande parte dell'infanzia, Mercurio delle prime relazioni con il mondo circostante, Saturno della maturità; l'analisi delle case racconta moltissimo della vita e delle difficoltà che incontriamo dalla nascita fino all'adolescenza, poi ancora dell'approccio agli studi e alla vocazione, alla carriera, alle relazioni affettive; gli aspetti aggiungono un ulteriore ritmo, suggerendo per esempio il bisogno di tanto tempo per maturare con gli aspetti di Saturno, la tendenza a bruciare tutte le tappe con Marte, ed ancora di più ci danno l'indicazione di grandi blocchi energetici che si sono formati, il cui superamento scandirà buona parte dei momenti cruciali di quell'esistenza.
L'astrologia umanistica ci apre un'autostrada lungo il concetto di DESTINO legato alla struttura della personalità, il famoso seme che contiene in sé tutte le informazioni dell'essere e del divenire , compresi i tempi necessari per crescere, svilupparsi, maturare, dare eventuali frutti. Si tratta del progetto che è insito in ogni vita, con annessi tutti gli sforzi - energeticamente parlando - che quella vita farà per realizzarlo, tenendo conto delle condizioni che incontra, dei progressi e dei fallimenti che man mano ha prodotto. E' di fondamentale importanza questo aspetto di CONTINUITA', dove ogni fase di un ciclo non si verifica indipendentemente dalle fasi precedenti, ogni esperienza si collega all'altra, trovando nutrimento (o veleno) in quello che è preceduto.
Troviamo spesso l'esempio del seme e della pianta, della primavera che costituisce il momento in cui un vigore enorme porta fantastiche ed inaspettate novità. Il momento - quella primavera - è lo stesso per tutte le piante, ma quella specifica pianta svilupperà (o tenterà di sviluppare) il suo specifico programma. Il nostro interesse leggendo i simboli che l'astrologia ci dona è proprio quello di svelare i momenti cruciali delle varie fasi di crescita e di trasformazione della persona nel corso del tempo, le crisi e le spinte più importanti verso lo sviluppo, non tanto per 'predire il destino' quanto per aumentare la consapevolezza di sé attraverso la conoscenza dei cicli di sviluppo che sono propri di ciascuna vita. 

Questo è un punto assolutamente essenziale per chi studia l'astrologia umanistica. In effetti potremmo dire che lo studio del tema natale è il tentativo di cogliere la qualità propria di un certo numero di punti inseriti ciascuno in una certa fase di un ciclo, e delle potenzialità insite nell'interazione di tanti punti e quindi tanti cicli; da tutto quell'insieme nasce UN RITMO assolutamente unico e speciale, pur immerso in cicli che sono apparentemente gli stessi per tutti, ed in quel ritmo c'è tutto il potenziale evolutivo di un individuo ALL'INTERNO di un ordine più grande dell'universo. Questo passaggio a mio avviso è molto importante per cogliere il senso dello sviluppo individuale indicato dalle progressioni, che è proprio nel ritmo vitale interiore che esprime.

Dal punto di vista tecnico usare le progressioni secondarie non presenta particolari problemi. L'associazione simbolica di base è 1 giorno = 1 anno, quindi se oggi compiamo 25 anni e siamo nati il 2 gennaio 1982 alle ore 15.00 sarà sufficiente calcolare un nuovo tema per il 27 gennaio 1982 (quindi 25 giorni dopo la nascita), sempre alle ore 15.00, e quello sarà il tema progresso di questo momento. Ovviamente è l'interpretazione che richiederà molta competenza…..come sempre succede! Il nuovo tema ottenuto andrà analizzato in rapporto al tema natale, considerandolo come la linea di maturazione degli aspetti indicati dal radix. Il passo del Sole sarà inevitabilmente di circa un grado all'anno, quello della Luna di 12/15 gradi all'anno, mentre quello dei pianeti più lenti sarà poco percettibile. Anche l'ascendente e le cuspidi di tutte le case saranno in posizione diversa da quella che avevano alla nascita, forse ci troveremo con un ascendente in un segno diverso, e ogni dettaglio andrà ad arricchire il processo dello svolgimento del nostro progetto. 

Inoltre bisognerà considerare gli aspetti che si vanno a formare nel nuovo tema progresso, con particolare importanza delle congiunzioni: riguardano processi di maturazione personale, trasformazioni interiori, momenti di particolare consapevolezza - anche se molto facilmente si riflettono poi su avvenimenti, che rappresentano le conseguenze di questi cambiamenti. Per esempio il Sole progresso che si congiunge a Marte per un uomo che ha sempre avuto difficoltà ad affermarsi può corrispondere sul piano degli eventi ad una grande opportunità per riuscire a collegarsi con la capacità di agire la propria energia maschile verso una realizzazione sul piano del lavoro, ma con questa configurazione ci renderemo contro che è DENTRO di lui che si sono create delle nuove condizioni per usare la sua forza con efficacia e per sentire un maggiore desiderio di conquista. Sono comunque molto importanti tutti i cambiamenti che si verificano negli aspetti: se per esempio abbiamo nel nostro Tema Natale una quadratura tra Venere e Saturno sarà molto interessante andare a scoprire quale trasformazione avverrà nel momento in cui Venere progredendo andrà a formare un trigono o un sestile a Saturno…certamente ci sarà la possibilità di una profonda rielaborazione dei motivi della nostra rigidità e della nostra propensione al sacrificio, per esempio attraverso la disponibilità (come l'apertura di un fiore) ad una nuova esperienza che ci permetterà di nutrire la nostra autostima e di gratificare il nostro bisogno di essere amati per quello che siamo e non per quello che facciamo! Se questa apertura sarà temporanea o definitiva non sarà scritto da nessuna parte, perché è ambito del libero arbitrio: le progressioni come sempre ci rivelano i tempi di maturazione, non quello che succederà né l'uso che faremo delle opportunità date.

Se riconosciamo un andamento dell'evoluzione legato a movimenti ciclici come prima cosa dobbiamo comprendere il significato della crisi - parola che è intimamente legata all'aspetto di quadratura, e che comporterà una fantastica trasformazione nel vecchio modo di considerare negativi alcuni aspetti….appunto critici. Inserire il concetto di crisi all'interno di un ciclo ci dà la possibilità di vederne l'aspetto di fase di crescita, a cui non può che seguire un successivo momento di realizzazione - portandoci dritto verso la possibilità di vedere un significato ed una direzione che possono guidarci in quelle fasi. Questo ruolo di 'guida' nelle progressioni è rivestito della Luna, il cui ciclo si dilata maestosamente: i ventinove giorni del ciclo di lunazione diventano ventinove anni, andando a corrispondere in modo straordinario al ciclo esterno di Saturno. La Luna diventa la regina del tema progresso, è lei che scandisce il tempo interno e soggettivo, mentre Saturno scandisce quello esterno e oggettivo nei transiti. 

I momenti di 'crisi' indicati dalla Luna sono i passaggi progressi della Luna nuova, del primo quarto, della Luna piena e dell'ultimo quarto, secondo un ritmo settennale del tutto personale, corrispondente: 
- alla congiunzione Sole/Luna, l'inizio di una fase nuova ovvero di un nuovo livello in cui esprimere il nostro progetto. E' una fase che avviene nel buio (come nella notte del novilunio), proviamo spesso confusione ed incertezza, e sarà solo dopo del tempo che ci renderemo conto che 'tutto ha avuto inizio' proprio ora. In realtà è un momento di straordinaria potenza ed importanza, in cui però non può ancora esserci la consapevolezza, come in ogni momento in cui iniziamo qualcosa;
- al primo quadrato della Luna al Sole, che rappresenta una crisi emozionale, con aspetti nuovi da mettere in conto che ci sfidano a trovare soluzioni diverse, a scartare quello che non sta andando oppure ad affrontarlo con degli aggiustamenti di tiro. Ovviamente sono sempre molto importanti gli aspetti che formerà la Luna. E' una fase di riorientamento, mentre quello successivo sarà un momento di sviluppo;
- all'opposizione Luna/Sole, fase di grande luminosità e quindi di possibilità di consapevolezza, in cui sappiamo bene che cosa dovremmo fare ed incontriamo anche i limiti che l'esterno ci pone. E' il momento di maturazione dei frutti delle nostre azioni precedenti ed anche un inizio per la nostra possibilità di portarli al mondo, in una successiva fase di distribuzione;
- al secondo quadrato della Luna al Sole, che rappresenta una crisi dopo la fase di raccolta (infatti circa tre anni prima c'è stato il trigono), in cui è necessario prendere delle decisioni e cominciare a guardare anche oltre, verso nuovi inizi possibili. Questa è una fase molto dipendente da quello che siamo riusciti a fare durante le fasi precedenti del ciclo, dagli strumenti che ci siamo costruiti, in cui a volte viene riconosciuto il nostro valore e la società ci propone un ruolo, un compito, un impegno che ci mette in condizione di rinunciare a qualcosa di personale. 

Il Tema Natale comunque rimane la nostra struttura fondamentale di riferimento, da cui parte un movimento interno lungo un tempo soggettivo che possiamo leggere nelle progressioni ed un movimento esterno lungo un tempo oggettivo (quindi più legato al mondo materiale) che possiamo leggere nei transiti. Aver capito il 'cuore' di un tema permetterà di comprendere attraverso le progressioni e i transiti quali passaggi evolutivi vengono richiesti per REALIZZARE QUEL PARTICOLARE PROGETTO (infatti il tema natale viene anche detto RADIX, radicale, la radice sopra cui si costruisce, evolvendosi e sviluppandosi, la vita umana).

Scrive in modo splendidamente riassuntivo Alex Ruperti: " Nella visione umanistica le progressioni si riferiscono a un processo interiore e soggettivo di crescita del potenziale individuale. Esse hanno a che fare con le graduali trasformazioni che avvengono via via che il carattere e il fine dell'individuo, rivelati nel tema natale, si realizzano attraverso il processo della stessa esistenza. Le progressioni mostrano come l'intera struttura natale si dispieghi da sola, seguendo l'esigenza individuale e il ritmo dell'evoluzione, così che quella che alla nascita è un'astratta identità archetipica può progressivamente diventare una persona pienamente realizzata e integrata.". 

Sicuramente le progressioni si riferiscono alla vita interiore del soggetto, ma io ritengo che non si limitino a questo; soprattutto i movimenti del Sole e della Luna sono oltremodo significativi anche negli eventi, così come sono continuamente sorpresa dalla precisione che dimostrano i transiti sui pianeti progressi! Questa secondo me è la conferma che transiti e progressioni 'lavorano' insieme, allo stesso scopo, ed è per questo che non mi meraviglio troppo quando verifico (spessissimo) che in modo sincronico un aspetto nel tema progresso corrisponde contemporaneamente ad un aspetto analogo di transito. Faccio un esempio: mentre si forma la progressione del Sole quadrato a Plutone si verifica il transito di Plutone in trigono al Sole natale! E' chiaro che questa persona è chiamata a operare una trasformazione del suo senso di identità, a diventare più consapevole sia dei limiti che della grandezza del suo potere personale: probabilmente dovrà anche affrontare una crisi interiore, un senso di fallimento che potrà passare per una depressione, che le permetterà di scoprire nuove risorse, di portare alla luce una possibilità maggiore di essere creativa. Questa creatività sarà del tutto essenziale per andare avanti nel suo percorso, infatti un ordine magico ha previsto il passaggio attraverso un'esperienza plutoniana sia nel tempo soggettivo (ed una forte crisi interiore sarà inevitabile) sia nel tempo oggettivo (ed un'opportunità per agire nel mondo questa grande creatività ci sarà sicuramente).

L'analisi del tema progresso - forse ancora di più di quella dei transiti - trova grande giovamento dalla comprensione profonda degli aspetti, poiché un perfezionamento può durare lunghi anni e spesso (a parte gli aspetti che forma la Luna) è assolutamente unico nel corso della vita. 
La tolleranza negli aspetti è molto diversa che nel radix, qui è l'esattezza dell'aspetto ad indicare la MATURAZIONE di un certo potenziale. Solo l'aspetto esatto è intimamente legato ai cambiamenti interiori che esso esprime. Certo, quando l'aspetto si sta per perfezionare è bene focalizzare l'attenzione su quel punto, perché cominceranno ad essere avvertiti cambiamenti o bisogni diversi, anche se un effetto su un piano materiale potremo vederlo solo dopo del tempo. Un evento particolarmente importante di solito si verifica proprio nel momento esatto in cui si forma un certo aspetto (perfezionamento). 

Le progressioni sono certamente più simboliche rispetto ai transiti, dipendono del tutto dalla carta individuale e non si applicano a nessun altro. E' ormai chiaro però che io penso che sia abbastanza inverosimile una netta divisione tra eventi interni/descritti dalle progressioni ed eventi esterni/descritti dai transiti. Già l'analisi psicologica del tema natale ci ha abituati ad un'altra concezione dell'avvenimento, inteso non più come destino fatale ma come espressione di qualcosa che già esiste internamente, per cui interno ed esterno si riflettono a vicenda. 
Del resto anche i transiti spesso si riferiscono esclusivamente a nostri cambiamenti interiori, ed anzi spesso ci chiediamo se un cambiamento interno (per esempio il superamento di una grande paura ) faccia sì che non si verifichi alcun avvenimento drammatico che magari sarebbe avvenuto continuando a fare resistenza all'energia del cambiamento (proprio a causa di quella paura): spesso per esempio un transito di Urano non è devastante se assecondiamo le svolte nei momenti opportuni. Ho sottolineato il termine "ci chiediamo" perché dal mio punto di vista è sempre bene affrontare questo discorso con grande umiltà… tanto più che Urano è sempre lì per spiazzarci: per quanto noi cerchiamo degli schemi in cui trovare le prove della VERITA', lui si sottrarrà dallo stare dentro qualsiasi schema, ed userà la sorpresa per introdurci a sperimentare qualche cosa di nuovo! 

Piuttosto che definire le differenze tra progressioni e transiti ritengo più utile continuare ad usarle insieme. In qualche modo ci inducono a tentare di pensare in modo tridimensionale, dove l'impegno messo nel cogliere la complessità del disegno che cerchiamo di interpretare viene premiato dalle luci di comprensione che insieme ci possono fornire.